NonSoloTecnicaFotografica

Le basi di uno scatto consapevole

  • HomePagina iniziale
  • AutoreMi presento

    Autore

    Sono Alessandro Pinna, 43 anni: sposato con Stefania e con un figlio, Samuele.
    Da molti anni mi interesso di fotografia, per piacere e divertimento.
    Nel tempo sono rimasto affascinato dalla visione di bellissime foto di vari autori e, curioso della loro realizzazione, ho approfondito vari aspetti del mondo fotografico: dal linguaggio alla composizione, dalla tecnica alla strumentazione.
    Su questo sito cercherò di fissare alcuni concetti base, nella maniera più semplice e chiara possibile: l'obiettivo è fornire i primi rudimenti ad un "giovane" fotografo che vuole iniziare a scattare con maggiore consapevolezza.

    Buona lettura.

  • FinalitàScopo del sito

    Finalità

    "Devi essere un perfetto tecnico per esprimere te stesso come vuoi.
    Allora puoi scordarti della tecnica
    ". Questa citazione riassume la finalità di questo sito: spiegare con estrema semplicità la parte tecnica e compositiva che è alla base di un’immagine fotografica, riuscire a farla propria ed utilizzare con consapevolezza la fotografia come un personale strumento espressivo.
    Questi concetti potranno essere utilizzati da chi si avvicina per la prima volta con passione al mondo della fotografia, da chi vuole essere consapevole delle proprie scelte e non limitarsi a premere il pulsante di scatto.
    Il tutto vuole essere un punto di partenza per un proprio percorso di approfondimento e conoscenza.

    Continua a leggere

  • ArgomentiParliamo di
    • Riflessioni fotografiche

      Riflessioni fotografiche

      Riflessioni e pensieri sul mondo della fotografia: appunti ed idee sparse.

      Vai agli articoli

    • Attrezzatura fotografica

      Attrezzatura fotografica

      Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e quando impiegare gli strumenti e le varie funzionalità, per disporne al momento giusto.

      Vai agli articoli

    • Esposizione fotografica

      Esposizione Fotografica

      L'esposizione di una fotografia è la miscela di tre soli ingredienti: Diaframma, Tempi ed ISO: e sapere quello che si vuole ottenere da una immagine. Cercheremo di aumentare la propria consapevolezza al momento dello scatto, parlando di esposizione consapevole.

      Vai agli articoli

    • Composizione fotografica

      Composizione fotografica

      Gli elementi presenti nell’inquadratura e le loro relazioni veicolano il messaggio che vogliamo raccontare attraverso una fotografia. Cercheremo di comprendere la composizione fotografica: osservare ed inquadrare, conoscendo le regole e gli elementi compositivi.

      Vai agli articoli

    • Elaborazione digitale

      Elaborazione digitale

      Sezione dedicata alla elaborazione digitale: cosa si intende per elaborazione? Dopo lo scatto sviluppiamo, elaboriamo le nostre foto nella camera chiara, seguendo un corretto flusso di lavoro

      Vai agli articoli

    • Lightroom

      Lightroom

      Lightroom è un programma che permette l’ archiviazione, la catalogazione, l’elaborazione, la stampa, la creazione di gallerie web, le presentazioni delle fotografie. E concentra l’attenzione del fotografo sullo scopo principale: la fotografia.

      Vai agli articoli

    • Il Flash

      Il Flash

      Il flash è una semplice e potente fonte di luce ausiliaria che permette di avere sempre a disposizione una elevata potenza di illuminazione: può essere quindi molto utile: conosciamolo bene, per usarlo al meglio e per sfruttarne a pieno le sue potenzialità.

      Vai agli articoli

    • Stampare le foto

      Stampare le fotografie

      Non lasciamo i nostri scatti a "prendere polvere" negli hard disk, ma ricordiamoci di stampare come un tempo le nostre fotografie: I nostri ricordi, le emozioni del viaggio, la nostra voglia di raccontare si materializzavano nelle foto da toccare, guardare, odorare, stringere al cuore.
      Una serie di articoli affrontano il tema della stampa, da ottenere anche e soprattutto "a casa" e con il migliore risultato.

      Vai agli articoli

  • BibliografiaUtili letture
  • Galleria FotoAlcuni scatti
  • CercaParole chiave

Apertura e Diaframma

reflex-diaframmaIl diaframma è un dispositivo interno all'obiettivo che regola la quantità di luce che entra nella fotocamera e raggiunge il sensore. E' costituito da un insieme di lamelle che vanno a formare un piccolo foro di ampiezza variabile.
Il diaframma può essere impostato su valori del tipo 4, 5.6, 8, 11, 16: ad ogni valore corrisponde una specifica apertura dell’obiettivo ed il passaggio di una corrispondente quantità di luce. Queste aperture sono definitive come f/stop: parlando di diaframma 4, ad esempio, si abbrevia la frazione f/4 (f diviso 4). Essendo frazioni f/4 è maggiore di f/11, che a sua volta è maggiore di f/22. Pertanto a valori più bassi di f corrispondono aperture di diaframma più ampie (che faranno passare più luce).


Matematicamente il raggio (e anche il diametro) di f/2 è il doppio di f/4, ma lascia passare il quadruplo della luce perché la sua area è quadrupla. Per chi fotografa è importante ricordare che partendo dal diaframma tutto aperto, ad ogni stop si dimezza la superficie del foro, ossia la quantità di luce che passa. Al contrario se si parte dall'apertura minima verso la più grande, ad ogni stop la quantità di luce raddoppia. 

esempi-aperture-diaframma

In gergo chiudere di diaframma indica il passaggio da un valore di diaframma piccolo ad un valore più elevato. Le fotocamere hanno la possibilità di regolare non solo stop interi, ma incrementi e decrementi con passi di 1/2 o 1/3. E’ stata fissata una successione convenzionale di apertura dei diaframmi (in grassetto i valori interi di stop):
f/1.4 - f/1.6 - f/1.8
f/2 - f/2.2 - f/2.5
f/2.8 - f/3.2 - f/3.5
f/4 - f/4.5 - f/5 
f/5.6 - f/6.3 - f/7.1
f/8 - f/9 - f/10
f/11 - f/13 - f/14
f/16 - f/18 - f/20 - f/22


Le diverse aperture del diaframma esprimono il rapporto focale, cioè il rapporto tra la lunghezza focale dell'obiettivo e il diametro dell'apertura del diaframma. Ad esempio, con un obiettivo di 100 mm, un diaframma impostato a f/2 corrisponde ad una apertura di 50mm, mentre un diaframma impostato a f/4 corrisponde ad una apertura di 25mm.

Ma quanto varia effettivamente la luce in ingresso in funzione del numero di stop? Lo vediamo subito, i calcoli sono abbastanza semplici. Il diaframma e' formato da una serie di lame che si aprono o si chiudono a seconda del numero di stop che impostiamo; ogni produttore costruisce il diaframma in maniera diversa, modificando principalmente il numero di lamelle. Prendiamo ad esempio diaframma a 7 lame e la sua forma pertanto sarà ettagonale, ma possiamo approssimarla tranquillamente ad un cerchio, dato che i risultati finali varieranno davvero di pochissimo.
Sappiamo che l'area di un cerchio e' pari a πr2
E dalle equazioni dell'ottica sappiamo che: f/stop → N = f / D
Ovvero: il numero di stop (N) e' uguale alla lunghezza focale (f) diviso il diametro del diaframma (D).
Da questa formula possiamo ricaviamo il raggio del diaframma (r): N = f / D → D = f / N → r = f / 2N
Sostituiamo questa espressione a quella dell'area del cerchio ed otteniamo: π(f / 2N)2
Calcoliamo ad esempio su un obiettivo da 50mm l'area del diaframma quando e' rispettivamente a f/2.8, f/4 e f/5.6 e il risultato sarà uguale:
- Area(f/2.8) = π(50/2 x 2.8)2 = 250 mm2
- Area(f/4) = π(50/2 x 4)2 = 123 mm2
- Area(f/5.6) = π(50/2 x 5.6)2 = 63 mm2
Quanta differenza esiste tra un f/4 e un f/2.8? Il primo fa entrare esattamente metà luce rispetto al secondo: per ogni stop l'area del diaframma (e quindi la quantità di luce che lo attraversa) raddoppia.

L'apertura del diaframma è inoltre importantissimo per la regolazione delle zone a fuoco, delle zone nitide, in una fotografia: ossia regola la profondità di campo