NonSoloTecnicaFotografica

Le basi di uno scatto consapevole

  • HomePagina iniziale
  • AutoreMi presento

    Autore

    Sono Alessandro Pinna, 43 anni: sposato con Stefania e con un figlio, Samuele.
    Da molti anni mi interesso di fotografia, per piacere e divertimento.
    Nel tempo sono rimasto affascinato dalla visione di bellissime foto di vari autori e, curioso della loro realizzazione, ho approfondito vari aspetti del mondo fotografico: dal linguaggio alla composizione, dalla tecnica alla strumentazione.
    Su questo sito cercherò di fissare alcuni concetti base, nella maniera più semplice e chiara possibile: l'obiettivo è fornire i primi rudimenti ad un "giovane" fotografo che vuole iniziare a scattare con maggiore consapevolezza.

    Buona lettura.

  • FinalitàScopo del sito

    Finalità

    "Devi essere un perfetto tecnico per esprimere te stesso come vuoi.
    Allora puoi scordarti della tecnica
    ". Questa citazione riassume la finalità di questo sito: spiegare con estrema semplicità la parte tecnica e compositiva che è alla base di un’immagine fotografica, riuscire a farla propria ed utilizzare con consapevolezza la fotografia come un personale strumento espressivo.
    Questi concetti potranno essere utilizzati da chi si avvicina per la prima volta con passione al mondo della fotografia, da chi vuole essere consapevole delle proprie scelte e non limitarsi a premere il pulsante di scatto.
    Il tutto vuole essere un punto di partenza per un proprio percorso di approfondimento e conoscenza.

    Continua a leggere

  • ArgomentiParliamo di
    • Riflessioni fotografiche

      Riflessioni fotografiche

      Riflessioni e pensieri sul mondo della fotografia: appunti ed idee sparse.

      Vai agli articoli

    • Attrezzatura fotografica

      Attrezzatura fotografica

      Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e quando impiegare gli strumenti e le varie funzionalità, per disporne al momento giusto.

      Vai agli articoli

    • Esposizione fotografica

      Esposizione Fotografica

      L'esposizione di una fotografia è la miscela di tre soli ingredienti: Diaframma, Tempi ed ISO: e sapere quello che si vuole ottenere da una immagine. Cercheremo di aumentare la propria consapevolezza al momento dello scatto, parlando di esposizione consapevole.

      Vai agli articoli

    • Composizione fotografica

      Composizione fotografica

      Gli elementi presenti nell’inquadratura e le loro relazioni veicolano il messaggio che vogliamo raccontare attraverso una fotografia. Cercheremo di comprendere la composizione fotografica: osservare ed inquadrare, conoscendo le regole e gli elementi compositivi.

      Vai agli articoli

    • Elaborazione digitale

      Elaborazione digitale

      Sezione dedicata alla elaborazione digitale: cosa si intende per elaborazione? Dopo lo scatto sviluppiamo, elaboriamo le nostre foto nella camera chiara, seguendo un corretto flusso di lavoro

      Vai agli articoli

    • Lightroom

      Lightroom

      Lightroom è un programma che permette l’ archiviazione, la catalogazione, l’elaborazione, la stampa, la creazione di gallerie web, le presentazioni delle fotografie. E concentra l’attenzione del fotografo sullo scopo principale: la fotografia.

      Vai agli articoli

    • Il Flash

      Il Flash

      Il flash è una semplice e potente fonte di luce ausiliaria che permette di avere sempre a disposizione una elevata potenza di illuminazione: può essere quindi molto utile: conosciamolo bene, per usarlo al meglio e per sfruttarne a pieno le sue potenzialità.

      Vai agli articoli

    • Stampare le foto

      Stampare le fotografie

      Non lasciamo i nostri scatti a "prendere polvere" negli hard disk, ma ricordiamoci di stampare come un tempo le nostre fotografie: I nostri ricordi, le emozioni del viaggio, la nostra voglia di raccontare si materializzavano nelle foto da toccare, guardare, odorare, stringere al cuore.
      Una serie di articoli affrontano il tema della stampa, da ottenere anche e soprattutto "a casa" e con il migliore risultato.

      Vai agli articoli

  • BibliografiaUtili letture
  • Galleria FotoAlcuni scatti
  • CercaParole chiave

Misurare l'esposizione

inverno-soleNell'articolo Esposizione: il triangolo fotografico abbiamo letto che per una corretta esposizione dobbiamo mettere d’accordo il tempo di otturazione e l'apertura del diaframma. Quando inquadriamo una scena, la luce riflessa dal soggetto attraversa il diaframma nell'obiettivo e colpisce il sensore per un periodo di tempo dato dal tempo di esposizione, in funzione degli ISO impostati in base alla luce presente. Se si imposta uno di questi valori, gli altri sono ad esso strettamente legati: per calcolarli ci viene in aiuto l’esposimetro, uno strumento in grado di misurare la luce, che fornisce un valore di esposizione dato dalla coppia tempo / diaframma migliore (fissato un valore dell’ISO). Se impostiamo ad esempio il diaframma ad un valore pari a f/4 e un valore di ISO pari a 400, l’esposimetro con queste informazioni sarà in grado di stabilire per quanto tempo dovrà rimanere aperto l’otturatore, realizzando una esposizione corretta: se la luce “fluisce” per un tempo maggiore di quello indicato si avrà una sovraesposizione, al contrario se la luce “fluisce” per un tempo minore di quello indicato si avrà una sottoesposizione.
 
 
Si potrebbe pensare che per una data scena inquadrata ci sia sempre un unico e migliore valore del diaframma, in coppia con un unico e migliore valore del tempo di esposizione, ma non è così: facciamo un esempio. Per una data scena, attraverso la lettura esposimetrica abbiamo definito corretta una coppia diaframma – tempo (a ISO 100) f/8 – 1/125. Se apriamo il diaframma di uno stop (f/5.6), ossia facciamo entrare una quantità doppia di luce, il tempo necessario per effettuare una esposizione analoga alla prima sarà la metà (1/250); al contrario, se chiudiamo il diaframma di uno stop (f/11), ossia facciamo entrare la metà di luce, il tempo necessario per effettuare una esposizione analoga alla prima sarà il doppio (1/60). Riassumendo: se un elemento del triangolo di esposizione cambia, tutti gli altri elementi variano di conseguenza.
Nella tabella in basso vediamo come si rapportano i vari valori della coppia tempo – diaframma (analogo colore = analoga esposizione). 
 
esposizione_tabella_EV
Per ogni esposizione ci sono almeno sei diverse combinazioni possibili che garantiscono lo stesso valore di esposizione. Perchè preoccuparsi di tutte queste combinazioni equivalenti? La risposta è che l'apertura del diaframma ed il tempo di otturazione controllano altri aspetti dell'immagine che vorremo modificare per ottenere un risultato voluto. Ogni combinazione
produce effetti molto diversi: da un soggetto nitido e uno sfondo morbido (profondità di campo ristretta) a una messa a fuoco di qualsiasi cosa vicina o lontana (profondità di campo estesa). Il tempo di otturazione controlla il congelamento dell'azione o la sfocatura dovueta al movimento, mentre l'ISO controlla la sensiblità del sensore della fotocamera alla luce, con un valore elevato in caso di bassa luminosità ed un valore basso in caso di luce intensa.
 
Esistono quindi varie coppie diaframma – tempo corrette, ossia corrette esposizioni: il bello della fotografia è proprio nella possibilità di scelta, tra diverse soluzioni giuste e corrette, della migliore possibile per me e per quello che volevo rappresentare, dato che ogni scelta produce come vedremo risultati diversi. Quando osserviamo una scena, ci potranno essere diverse coppie tempo – diaframma che porteranno ad una giusta esposizione, ma solo in termini quantitativi (di luce che arriva sul sensore), dato che ogni valore di tempo e diaframma produce effetti e risultati diversi sull’immagine finale: una sola coppia saprà restituire al meglio la scena che vogliamo rappresentare.