NonSoloTecnicaFotografica

Le basi di uno scatto consapevole

  • HomePagina iniziale
  • AutoreMi presento

    Autore

    Sono Alessandro Pinna, 43 anni: sposato con Stefania e con un figlio, Samuele.
    Da molti anni mi interesso di fotografia, per piacere e divertimento.
    Nel tempo sono rimasto affascinato dalla visione di bellissime foto di vari autori e, curioso della loro realizzazione, ho approfondito vari aspetti del mondo fotografico: dal linguaggio alla composizione, dalla tecnica alla strumentazione.
    Su questo sito cercherò di fissare alcuni concetti base, nella maniera più semplice e chiara possibile: l'obiettivo è fornire i primi rudimenti ad un "giovane" fotografo che vuole iniziare a scattare con maggiore consapevolezza.

    Buona lettura.

  • FinalitàScopo del sito

    Finalità

    "Devi essere un perfetto tecnico per esprimere te stesso come vuoi.
    Allora puoi scordarti della tecnica
    ". Questa citazione riassume la finalità di questo sito: spiegare con estrema semplicità la parte tecnica e compositiva che è alla base di un’immagine fotografica, riuscire a farla propria ed utilizzare con consapevolezza la fotografia come un personale strumento espressivo.
    Questi concetti potranno essere utilizzati da chi si avvicina per la prima volta con passione al mondo della fotografia, da chi vuole essere consapevole delle proprie scelte e non limitarsi a premere il pulsante di scatto.
    Il tutto vuole essere un punto di partenza per un proprio percorso di approfondimento e conoscenza.

    Continua a leggere

  • ArgomentiParliamo di
    • Riflessioni fotografiche

      Riflessioni fotografiche

      Riflessioni e pensieri sul mondo della fotografia: appunti ed idee sparse.

      Vai agli articoli

    • Attrezzatura fotografica

      Attrezzatura fotografica

      Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e quando impiegare gli strumenti e le varie funzionalità, per disporne al momento giusto.

      Vai agli articoli

    • Esposizione fotografica

      Esposizione Fotografica

      L'esposizione di una fotografia è la miscela di tre soli ingredienti: Diaframma, Tempi ed ISO: e sapere quello che si vuole ottenere da una immagine. Cercheremo di aumentare la propria consapevolezza al momento dello scatto, parlando di esposizione consapevole.

      Vai agli articoli

    • Composizione fotografica

      Composizione fotografica

      Gli elementi presenti nell’inquadratura e le loro relazioni veicolano il messaggio che vogliamo raccontare attraverso una fotografia. Cercheremo di comprendere la composizione fotografica: osservare ed inquadrare, conoscendo le regole e gli elementi compositivi.

      Vai agli articoli

    • Elaborazione digitale

      Elaborazione digitale

      Sezione dedicata alla elaborazione digitale: cosa si intende per elaborazione? Dopo lo scatto sviluppiamo, elaboriamo le nostre foto nella camera chiara, seguendo un corretto flusso di lavoro

      Vai agli articoli

    • Lightroom

      Lightroom

      Lightroom è un programma che permette l’ archiviazione, la catalogazione, l’elaborazione, la stampa, la creazione di gallerie web, le presentazioni delle fotografie. E concentra l’attenzione del fotografo sullo scopo principale: la fotografia.

      Vai agli articoli

    • Il Flash

      Il Flash

      Il flash è una semplice e potente fonte di luce ausiliaria che permette di avere sempre a disposizione una elevata potenza di illuminazione: può essere quindi molto utile: conosciamolo bene, per usarlo al meglio e per sfruttarne a pieno le sue potenzialità.

      Vai agli articoli

    • Stampare le foto

      Stampare le fotografie

      Non lasciamo i nostri scatti a "prendere polvere" negli hard disk, ma ricordiamoci di stampare come un tempo le nostre fotografie: I nostri ricordi, le emozioni del viaggio, la nostra voglia di raccontare si materializzavano nelle foto da toccare, guardare, odorare, stringere al cuore.
      Una serie di articoli affrontano il tema della stampa, da ottenere anche e soprattutto "a casa" e con il migliore risultato.

      Vai agli articoli

  • BibliografiaUtili letture
  • Galleria FotoAlcuni scatti
  • CercaParole chiave

Sensibilità ISO

ISOIl valore ISO indica la sensibilità alla luce che può assumere il sensore della fotocamera digitale.
Il termine sta per Internationals Standards Organization e risale ai tempi della pellicola. La scala che si utilizza nelle fotocamere digitali si basa sullo stesso parametro di sensiblità, con una differenza non da poco. Ogni pellicola era caratterizzata da un unico valore di ISO: per cambiare la sensiblità bisognava cambiare fisicamente il rullino del film. Nella fotografia digitale è sufficiente accedere al menu e scegliere un diverso valore ISO.
 
 
  E’ stata fissata una successione convenzionale dei valori ISO (i grassetto i valori interi di stop): anche per gli ISO si possono regolare non solo stop interi, ma incrementi e decrementi con passi di 1/2 o 1/3.
 
50 – 64 – 80
100 – 125 - 160
200 - 250 - 320
400 – 500 - 640
800 – 1000 - 1250
1600 - 2000 - 2500
3200 – 4000 - 5000 - 6400
 
Esattamente come con le pellicole la massima qualità dell'immagine si ottiene utilizzando il valore ISO più basso. Questa inoltre è la modalità che richiede il maggior quantitativo di luce per produrre una buona immagine: aumentando gli ISO diminuisce la quantità di luce necessaria ad ottenere una corretta esposizione.
 
Utilizzando ISO 200 ad esempio il sensore ha bisogno della metà della luce che avrebbe bisogno ad ISO 100 per effettuare la medesima fotografia.
Per capire meglio il funzionamento degli ISO, li possiamo considerare come delle api operaie, che raccolgono la luce che passa attraverso l’obiettivo e formano l’immagine : 100 ISO = 100 api operaie, 200 ISO = 200 api operaie…chi registrerà prima l’immagine? E' chiaro, 200 ISO.
Se in determinate condizioni di luce scattate con diaframma a 2.8 e il tempo di otturazione corrispondente è 1/125 a 100 ISO, se impostate 200 ISO il tempo dell'otturatore verrà automaticamente aumentato a 1/250. E se impostate ISO 400 il tempo verrà incrementato a 1/500; viceversa, se bloccate l'impostazione del tempo di otturazione che impostate, aumentando i valore ISO aumenterà l'apertura del diaframma: se scattate avendo impostato 1/125 di secondo e l'apertura del diaframma corrispondente è 2.8 ad ISO 100, aumentando l'ISO a 200 l'apertura del diaframma verrà automaticamente incrementata a 4, e se impostate ISO 400 verrà incrementato a 5.6.
 
Più alto è il valore ISO, più sensibile è il sensore, quindi maggiore sarà la sua capacità di catturare immagini in ambienti poco illuminati. Utilizzare valori ISO elevati non è però una operazione indolore: nasce infatti il problema del rumore, riferendoci sinteticamente al disurbo che compare sulle immagini quando si utilizzano ISO alti. In un prossimo articolo approfondiremo questo aspetto.